PHILIP SEYMOUR HOFFMAN

Dom, 23/07/2017

Philip Seymour Hoffman (Fairport, 23 luglio 1967 - New York, 2 febbraio 2014) è stato un attore e regista statunitense, vincitore del "Premio Oscar" come miglior attore per il film biografico "Truman Capote - A sangue freddo". Ricevette anche tre altre nomination all'Oscar come miglior attore non protagonista e tre nomination al Tony Award per il suo lavoro in teatro, aggiudicandosi uno come miglior attore da palcoscenico nel 2000.
I genitori, Marilyn O'Connor, un giudice del tribunale della famiglia e avvocato. e Gordon Stowell Hoffman, un ex dirigente Xerox, divorziarono quando Hoffman aveva 9 anni. Aveva anche due sorelle, Jill ed Emily, e un fratello, Gordy Hoffman, autore della sceneggiatura della pellicola "Love Liza" del 2002, dove Philip era il protagonista.
Hoffman iniziò la sua carriera di attore al liceo, dopo un infortunio al collo che lo costrinse a rinunciare alla lotta amatoriale. Nel 1984, a diciassette anni, fu selezionato per partecipare "Theater School presso la New York State Summer School of the Arts" a Saratoga Springs, dove incontrò per la prima volta Bennett Miller e Dan Futterman, suoi futuri collaboratori. Dopo il diploma acolastico, Hoffman partecipò al programma estivo del Circle in the Square Theatre, continuando i suoi studi di attore con l'insegnante di recitazione Alan Langdon.
Nel 1989, conseguì un BFA in teatro alla Tisch School of the Arts della New York University, dove con l'attore Steven Schub e il regista Bennett Miller, fondò la compagnia teatrale "Bullstoi Ensemble".
Nel 1991, grazie alla partecipazione a "Triple Bogey on a Par Five Hole", viene notato dalle grandi case di produzione cinematografica di Hollywood e venne chiamato per interpretare il ruolo di George Willis Jr in "Scent of a Woman - Profumo di donna". Negli anni successivi lo abbiamo visto protagonista in diversi film di grande successo, come ...e alla fine arriva Polly,
 "Boogie Nights - L'altra Hollywood", "Il grande Lebowski", "Happiness - Felicità", "Magnolia", "Il talento di Mr. Ripley", "Quasi famosi", "Ubriaco d'amore", "La 25ª ora" e "Red Dragon". 

Nel 2005, grazie alla sua memorabile interpretazione di Truman Streckfus Persons nel film "Truman Capote - A sangue freddo", venne consacrato definitivamente come uno dei massimi esponenti della cinematografia mondiale. Per questa sua interpretazione si aggiudicò diversi premi internazionali, tra cui il premio Oscar come miglior attore protagonista nel 2006 e il "British Academy of Film and Television Arts". Successivamente ottenne per ben tre altre volte la nomination all'Oscar come miglior attore non protagonista: nel 2008 per "La guerra di Charlie Wilson", nel 2009 per "Il dubbio" e nel 2013 per "The Master".
Nel 2010 fece la sua prima esperienza come regista con il film Jack Goes Boating.
Nel 2012 si unì al cast di "Hunger Games: La ragazza di fuoco" interpretando lo stratega Plutarch Heavensbee, ruolo che ricoprì anche nel sequel "Hunger Games: Il canto della rivolta" - Parte 1 del 2014 e Parte 2 del 2015.
Il 2 febbraio 2014, a soli 46 anni, l'attore venne ritrovato morto nel suo appartamento di New York, nel quartiere di Manhattan, per una overdose, con la siringa ed il laccio emostatico ancora nel braccio.
Nella vita reale Hoffman era stato legato sentimentalmente alla costumista Mimi O'Donnell, conosciuta nel 1999, in Arabia Saudita sul set teatrale "We'd All Be Kings", da lui diretta. Dalla loro relazione, che finì nel 2013, sono nati tre figli, Cooper Alexander nato nel 2003, Tallulah nato nel 2006 e Willa nata nel 2008.

Filmografia
.
Come attore del cinema:

  • Triple Bogey on a Par Five Hole, regia di Amos Poe (1991)
  • My New Gun, regia di Stacy Cochran (1992)
  • Vendesi miracolo (Leap of Faith), regia di Richard Pearce (1992)
  • Scent of a Woman - Profumo di donna (Scent of a Woman), regia di Martin Brest (1992)
  • Joey Breaker, regia di Steven Starr (1993)
  • My Boyfriend's Back, regia di Bob Balaban (1993)
  • Milionario per caso (Money for Nothing), regia di Ramón Menéndez (1993)
  • Getaway (The Getaway), regia di Roger Donaldson (1994)
  • Szuler, regia di Adek Drabinski (1994)
  • Amarsi (When a Man Loves a Woman), regia di Luis Mandoki (1994)
  • La vita a modo mio (Nobody's Fool), regia di Robert Benton (1994)
  • Sydney (Hard Eight), regia di Paul Thomas Anderson (1996)
  • Twister, regia di Jan de Bont (1996)
  • Boogie Nights - L'altra Hollywood (Boogie Nights), regia di Paul Thomas Anderson (1997)
  • Montana, regia di Jennifer Leitzes (1998)
  • Prossima fermata Wonderland (Next Stop Wonderland), regia di Brad Anderson (1998)
  • Il grande Lebowski (The Big Lebowski), regia di Joel Coen (1998)
  • Happiness - Felicità (Happiness), regia di Todd Solondz (1998)
  • Patch Adams, regia di Tom Shadyac (1998)
  • Flawless - Senza difetti, regia di Joel Schumacher (1999)
  • Magnolia, regia di Paul Thomas Anderson (1999)
  • Il talento di Mr. Ripley (The Talented Mr. Ripley), regia di Anthony Minghella (1999)
  • Hollywood, Vermont (State and Main), regia di David Mamet (2000)
  • Quasi famosi (Almost Famous), regia di Cameron Crowe (2000)
  • Love Liza, regia di Todd Louiso (2001)
  • Ubriaco d'amore (Punch-Drunk Love), regia di Paul Thomas Anderson (2002)
  • Red Dragon, regia di Brett Ratner (2002)
  • La 25ª ora (25th Hour), regia di Spike Lee (2002)
  • La doppia vita di Mahowny (Owning Mahowny), regia di Richard Kwietniowski (2003)
  • Ritorno a Cold Mountain (Cold Mountain), regia di Anthony Minghella (2003)
  • ...e alla fine arriva Polly (Along came Polly), regia di John Hamburg (2004)
  • Strangers with Candy, regia di Paul Dinello (2005)
  • Truman Capote - A sangue freddo, regia di Bennett Miller (2005)
  • Mission: Impossible III, regia di J.J. Abrams (2006)
  • La famiglia Savage (The Savages), regia di Tamara Jenkins (2007)
  • Onora il padre e la madre (Before the Devil Knows You're Dead), regia di Sidney Lumet (2007)
  • La guerra di Charlie Wilson (Charlie Wilson's War), regia di Mike Nichols (2007)
  • Synecdoche, New York, regia di Charlie Kaufman (2008)
  • Il dubbio (Doubt), regia di John Patrick Shanley (2008)
  • I Love Radio Rock (The Boat That Rocked), regia di Richard Curtis (2009)
  • Il primo dei bugiardi (The Invention of Lying), regia di Ricky Gervais (2009) - Cameo
  • Jack Goes Boating, regia di Philip Seymour Hoffman (2010)
  • Le idi di marzo (The Ides of March), regia di George Clooney (2011)
  • L'arte di vincere (Moneyball), regia di Bennett Miller (2011)
  • The Master, regia di Paul Thomas Anderson (2012)
  • Una fragile armonia (A Late Quartet), regia di Yaron Zilberman (2012)
  • Hunger Games: La ragazza di fuoco (The Hunger Games: Catching Fire), regia di Francis Lawrence (2013)
  • God's Pocket, regia di John Slattery (2014)
  • La spia - A Most Wanted Man (A Most Wanted Man), regia di Anton Corbijn (2014) - postumo
  • Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte 1 (The Hunger Games: Mockingjay - Part 1), regia di Francis Lawrence (2014) - postumo
  • Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte 2 (The Hunger Games: Mockingjay - Part 2), regia di Francis Lawrence (2015) - postumo

.
Televisione:

  • Law & Order - I due volti della giustizia (Law & Order) – serie TV, episodio 1x14 (1991)
  • The Yearling, regia di Rod Hardy (1994) - Film TV
  • Empire Falls - Le cascate del cuore (Empire Falls), regia di Fred Schepisi - miniserie TV (2005)

.
Cortometraggi:

  • The Fifteen Minute Hamlet, regia di Todd Louiso (1995)
  • Culture, regia di Josh Gordon e Will Speck (1998) 

.
Nausica Baroni