IL CUBO DI RUBIK

Ricorre ogni anno fino a Gio Dic 31 2020 .
Gio, 13/07/2017
Ven, 13/07/2018
Sab, 13/07/2019
Lun, 13/07/2020

È il passatempo più venduto della storia, con circa 300 milioni di pezzi venduti.

Nella primavera del 1974, Ernő Rubik (Budapest, 13 luglio 1944)scultore, architetto e designer ungherese all'istituto universitario d'arte e design Moholy-Nagy Művészeti Egyetem di Budapest, nella sua casa a Budapest, inventò il primo prototipo del cubo di Rubik o cubo magico, il celebre rompicapo. Il nome definitivo "Rubik's Cube - Cubo Di Rubik" venne scelto dalla Ideal Toys nel 1980 e nello stesso anno vinse un premio speciale dalla giuria dello Spiel des Jahres in Germania. 
.
Il rompicapo è disponibile in 4 versioni differenti:

2×2×2 (Pocket Cube) - 3×3×3 (Rubik's Cube) - 4×4×4 (Rubik's Revenge) - 5×5×5 (Professor's Cube). Nella versione 3×3×3, può assumere ben 43 252 003 274 489 856 000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta. Il cubo, nella versione Pocket Cube 2×2×2, può assumere 3 674 160 combinazioni possibili, di cui solo una è quella corretta.
Recentemente, l'inventore greco Panagiotis Verdes ha brevettato un metodo di creazione del rompicapo per superare la versione 5×5×5, fino ad arrivare a 11×11×11. 
Il Cubo più diffuso dispone di 54 quadrati, 9 quadrati su ognuna delle sue 6 facce, con 6 colori differenti. Il Cubo di Rubik è risolto quando ogni uno delle sei faccie sono dello stesso colore. 
Inizialmente, venne progettato a scopi didattici e all'inizio si diffuse solo tra i matematici ungheresi, interessati ai problemi statistici e teorici che il cubo poneva. Questo cubo originale si differiva da quello odierno: era monocolore, di legno e con gli angoli smussati. L'anno successivo, Rubik, riportò le ultime modifiche che lo porteranno a essere quello di oggi, lo brevettò e affidò alla produttrice di giocattoli Polithechnika il difficile compito della distribuzione del gioco matematico battezzato "Magic Cube".
Nel 1977 vengono messi in vendita e nel 1980 la "Ideal Toys Company" ne acquista i diritti all'estero e decide di rinominarlo "Rubik's Cube - cubo di Rubik". Il cubo diventa così famoso al punto che nel 1981 una pubblicazione chiamata You Can Do The Cube, del dodicenne inglese Patrick Bossert, vende in un solo anno mezzo milione di copie.
Nel 1982, vennero venduti oltre 100 milioni di pezzi e Rubik divenne il cittadino più ricco del suo paese; nello stesso anno hanno inizio anche le competizioni.
Nel 1990, Ernő Rubik diventa il presidente della Hungarian Engineering Company e fonda la Rubik International al fine di sostenere i giovani designer.
Nel 1995, per celebrare il 15º anniversario del cubo magico, la Diamond Cutters International realizza un cubo di 185 carati fatto d'oro e di gioielli colorati.
Nel 2005, il rompicapo ha celebrato il 25º anniversario, per l'occasione è stata presentata una versione speciale del cubo, con il logo ufficiale, "Rubik's Cube 1980-2005", stampato su un quadrato di colore bianco. 
Il 5 febbraio 2009 è stato presentato a una fiera in Germania il Cubo 360.