ITALIA PUTTANA

Ricorre ogni 31 settimane fino a Mar Dic 31 2019 .
Dom, 16/10/2016
Dom, 21/05/2017
Dom, 24/12/2017
Dom, 29/07/2018
Dom, 03/03/2019
Dom, 06/10/2019

Tu italiano, ti lamenti della sitazione politica ed economica italiana? IO dico che te la meriti.

Il 12 luglio 1991 venne fondato in Italia il partito dell'Amore. Un movimento politico italiano, fondato da sostenitori di Ilona Staller, la famosa Cicciolina, elegantemente definita una pornostar. Quale star? Io ricordo di averla vista fare un pompino a un cavallo. Poi ricordo che nel 1987 fu eletta alla Camera dei deputati nelle liste del Partito Radicale. E poi entra in scena Moana Pozzi, collega di Cicciolina altrettanto famosa. Il partito fu creato da Mauro Biuzzi e da Riccardo Schicchi. Il logo del partito è rappresenta da un cuore trasparente nel quale si specchia il volto di Moana. Ma chi sono questi signori? Chi è così privo di responsabilità civica da arrivare a votarli? Perchè gli ha votati? Come si fa a pretendere una bella Italia quando si permette che venga eletta chiunque? PURTROPPO, IN ITALIA MANCANO GLI ITALIANI. MANCA CHI AMA VERAMENTE L'ITALIA. MANCA IL SENSO CIVICO.
Biuzzi con molto coraggio aveva già nel 1986 svolto la propria attività politica con un logo chiamato “l’Icona Staller”, che poi diventerà il primo simbolo del PDA. Dopo la diffida di Staller a fare uso della sua immagine nel simbolo, il suo volto venne sostituito con quello di Moana Pozzi. Si dice: Moana Pozzi con il Partito dell'Amore diede vita alla prima esperienza italiana di antipolitica e riuscì a farsi conoscere anche all’estero, raccogliendo quasi duecento articoli di stampa.
Penso che questa parentesi della politica italiana non debba essere dimenticata, anzi, va ricordata e presa come esempio come il perchè della situazione attuale italiana.

Per PDA, mi piace ricodare il Partito d'Azione, un vero partito politico italiano, fondato da Giuseppe Mazzini nel 1853 e sciolto nel 1867. Aveva come obiettivi la democrazia, la libertà di stampa e di pensiero, la responsabilizzazione dei governi davanti al popolo.

Arman Golapyan